(fonte http://www.procura.milano.giustizia.it/reati-informatici.html )

Costituitosi nel 2004, il pool reati informatici è una unità di lavoro altamente specializzata originariamente nata all’interno del VII Dipartimento ed oggi funzionale al IV Dipartimento (pool antiterrorismo).

Coordinato da un Procuratore Aggiunto, il pool è composto da Pubblici Ministeri, Ufficiali e Agenti di Polizia Giudiziaria (Squadra reati informatici)  e personale ausiliario.  
Si avvale inoltre di consulenti esperti in aree tecnico-scientifiche e nelle discipline criminologiche.
Gli uffici sono al IV e V piano del Palazzo di Giustizia di Milano.

 

Quali reati persegue?

 

Con la definizione di “reati informatici” si intende fare riferimento a quelli introdotti nel Codice Penale dalla Legge 547/1993 e, limitatamente  ai soli casi di particolare complessità, a quelli commessi mediante l’impiego di tecnologie informatiche o telematiche.  La valutazione della complessità del procedimento, in questo secondo caso, è rimessa all’apprezzamento dell’Aggiunto Coordinatore.


In particolare, sono di competenza del pool i seguenti fenomeni illeciti:
 

  • DIALER (NUMERAZIONI A VALORE AGGIUNTO)

  • FURTO DI IDENTITÀ SEMPLICE

  • VIOLAZIONE ACCOUNT

  • ACCESSO EMAIL

  • ALTRO ACCESSO ABUSIVO A SISTEMI INFORMATICI

  • TRUFFA E-BAY O SU ALTRE PIATTAFORME DI E-COMMERCE                                                           

  • BONIFICO/RICARICA DISCONOSCIUTA (PHISHING)

  • RICICLAGGIO ELETTRONICO PROVENTI ILLECITI (CYBERLAUNDERING)

  • CARTE DI CREDITO

di seguito il link al sito della procura della repubblica di milano, Pool Reati Informatici